Fare la spesa come una volta

Il lievito per dolci fatto in casa
10 Maggio 2015
E per visitare l’Expo cosa mi metto?
20 Maggio 2015

Fare la spesa come una volta

Al mercatino di cascina Triulza

20150514_123344

Il giorno di mercato, è risaputo, un tempo era occasione per socializzare, incontrarsi, conoscersi, oltre che, ovviamente, per rifornire la dispensa. Ebbene, seppure in epoca diversa e per una occasione diversa, quello allestito sotto i portici di cascina Triulza, dentro l’area espositiva di Expo, ricrea alla perfezione quella particolare atmosfera. Sarà per la presenza del banco dell’artigianato indiano, sarà per il vassoio dei piccoli assaggi che consentono di assaporare prima di decidere l’acquisto, sarà per l’architettura tipica del portico e dei fienili sovrastanti, ma fare la spesa in cascina è un’emozione da provare.

20150514_123845

Ed ecco cosa abbiamo trovato sui banchi.

Il pane nero di Castelvetrano-Selinunte, cittadine siciliane della provincia di Trapani dove è stato riscoperto questo pane fatto con la farina di Timilia capace di conservarsi fragrante e fresco per diversi giorni. Buonissimo servito con l’olio e i formaggi del Belice, con l’origano e il pomodoro e con le sardine di Selinunte. Accompagnamenti diversi capaci di trasformarlo in un pasto completo denominato “Lu pani cunzatu”.

Lo stesso forno offre poi specialità come i tradizionali cannoli ripieni di ricotta dolce preparati sul posto, biscotti e taralli e i dolci tipici siciliani, dalla “cassatella” agli “sfincioni”.

20150514_123548

Da Pietralunga in provincia di Perugia arrivano invece tartufi bianchi e neri dalle generose dimensioni, simili a grosse palle da tennis, per la gioia di chi ama il diamante della terra. E poi salsine, conserve, crostini e mille altre delizie tutte da scoprire.

20150514_123930

Infine, dalle campagne bergamasche, precisamente dal piccolo centro di Scanzorosciate, due ragazzi innamorati della loro terra e della loro azienda agricola propongono prodotti che si avvalgono di materie prime con certificato biodinamico/biologico dal seme alla raccolta. E al motto di “nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma” presentano creme salate, sughi e condipasta, confetture dolci e per formaggi, sottoli e sottaceti, vellutate e altro ancora.

20150514_123743

Lascia un commento