Improvvisazione, fantasia o riciclo?

Work Diary’s beauty tips
25 Giugno 2015
A colloquio con i giovani e discussi volontari
26 Giugno 2015

Improvvisazione, fantasia o riciclo?

VLUU L100, M100 / Samsung L100, M100

Una emergenza risolta con esito apprezzato

20150626_172216

La cena, si sa, è ritenuto un pasto più leggero rispetto alla seconda colazione. Spesso si riduce a un piatto unico. A volte, sulla falsariga delle abitudini di certi popoli nordici a un caffè-latte o a un te accompagnato da toasts dolci o salati. Ci sono delle volte invece, che arriva, tanto improvvisa quanto inattesa, la richiesta di una semplice e classica minestrina.

Quante di noi si sono sentite spiazzate da una simile richiesta capace di sorprenderci sia nelle gelide sere d’inverno, sia nel corso di un acquazzone estivo che costringe la famiglia a rinunciare alla cenetta in giardino o in terrazza e fa desiderare a tutti qualcosa che aiuti ad allontanare i brividi?

Ecco come risolvere il problema una sera in cui non abbiamo nè minestra in dispensa, nè brodo già pronto, mè dado per prepararlo. Prendiamo una matassina di tagliatelle per ogni commensale, e, mentre attendiamo che l’acqua sia in ebollizione, passiamola più volte con il mattarello di legno fino a ridurla in piccolissimi quadretti irregolari. Aggiustiamo di sale, gettiamo nell’acqua la minestrina all’uovo così ottenuta e lasciamola cuocere per circa cinque minuti.

Infine, serviamola direttamente in tavola con abbondante grana grattugiato e arricchita con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva crudo in ogni piatto.

Lascia un commento